Assegni privi della clausola di non trasferibilità: chiarimenti del MEF

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha annunciato che sta valutando la possibilità di modificare il gravoso regime sanzionatorio sull’uso di assegni oltre soglia privi della clausola di non trasferibilità, introdotto dal DLgs. 90/2017, recuperando la proporzionalità tra l’importo trasferito e la sanzione.

0
45
views

Gentile cliente, con la presente desideriamo informarLa che il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha annunciato che sta valutando la possibilità di modificare il gravoso regime sanzionatorio sull’uso di assegni oltre soglia privi della clausola di non trasferibilità, introdotto dal DLgs. 90/2017, recuperando la proporzionalità tra l’importo trasferito e la sanzione.

Nel frattempo, con la pubblicazione del vademecum del 12 marzo 2018, il MEF ha ritenuto opportuno ricordare che:

  1. l’attuale soglia, pari a 1.000,00 euro, è operativa dal DL 201/2011;
  2. dal 2008 le banche non rilasciano più carnet di assegni senza la clausola di non trasferibilità;
  3. è possibile richiedere, per iscritto, alla banca il rilascio di moduli di assegni in “forma libera”, ossia privi della suddetta clausola di non trasferibilità. Per ogni modulo di assegno richiesto in forma libera è dovuta, da parte del richiedente, un’imposta di bollo di 1,50 euro. L’assegno in forma libera può essere emesso, regolarmente compilato mediante l’apposizione del nome del beneficiario, soltanto per importi inferiori a 1.000,00 euro;
  4. se qualcuno dovesse trovare un vecchio blocchetto, può ancora utilizzarlo per trasferimenti di denaro di importo pari o superiore a 1.000,00 euro, a patto che scriva di suo pugno “non trasferibile”;
  5. se l’importo è inferiore a 1.000,00 euro l’assegno può essere fatto circolare anche senza clausola.

Le novità non si esauriscono in quelle appena citate ma se ne riscontrano altre innumerevoli di cui daremo notizia all’interno della Circolare in allegato.

Download Allegato

Articolo precedenteLo scadenziario di Aprile 2018
Prossimo articoloSgravi contributivi sulle assunzioni: incentivi in progressiva riduzione
Sono un dottore commercialista appassionato di nuove tecnologie ed offro consulenza a liberi professionisti, imprenditori e società. Il mio lavoro non consiste solo nel gestire la contabilità e redigere le dichiarazioni dei redditi ma soprattutto prestare assistenza e fornire una soluzione ai problemi e ai dubbi che possono sorgere nell’amministrazione di un'azienda. Il mio intento è quello di aiutare coloro che vogliono intraprendere nuove attività imprenditoriali con entusiasmo e passione, la stessa che dedico al mio lavoro.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here