Contributi alle imprese che adottano misure per ridurre il rischio di contagio

L’art. 95 del DL 34/2020, al fine di favorire l’attuazione delle disposizioni di cui al protocollo di regolamentazione delle misure per il contenimento e il contrasto della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro del 14.3.2020, come integrato il 24.4.202044, promuove l’erogazione, da parte dell’INAIL, di interventi straordinari destinati alle imprese che, successivamente al 17.3.2020 (data di entrata in vigore del DL 18/2020, conv. L. 27/2020), abbiano adottato misure finalizzate alla riduzione del rischio di contagio sul luogo di lavoro.

0
19
Visualizzazioni

Gentile cliente, con la presente desideriamo informarLa che, per favorire l’attuazione delle disposizioni di cui al Protocollo di regolamentazione delle misure per il contenimento e il contrasto della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro del 14.3.2020, come integrato il 24.4.2020, l’art. 95 del DL 34/2020 (c.d. Decreto Rilancio) promuove l’erogazione, da parte dell’INAIL, di interventi straordinari destinati alle imprese che, successivamente alla data di entrata in vigore del DL 18/2020 (conv. L. 27/2020), abbiano adottato misure per la riduzione del rischio di contagio. L’intervento spetta:

  • alle imprese, anche individuali, iscritte al Registro delle imprese o all’Albo delle imprese artigiane;
  • alle imprese agricole iscritte nella sezione speciale del Registro delle imprese;
  • alle imprese agrituristiche;
  • alle imprese sociali (DLgs. 112/2017) iscritte al Registro delle imprese.

Il contributo massimo concedibile varia in base al numero dei dipendenti dell’impresa, ed è pari a:

  • 15.000,00 euro, fino a 9 dipendenti;
  • 50.000,00 euro, da 10 a 50 dipendenti;
  • 100.000,00 euro, con più di 50 dipendenti.

L’assegnazione del contributo avviene con procedura automatica ai sensi dall’art. 4 del DLgs. 123/98, in ragione della quale il contributo dovrebbe essere concesso successivamente alla presentazione di apposita domanda e secondo l’ordine cronologico di presentazione delle stesse. Tale misura di sostegno alle imprese è incompatibile con gli altri benefici, anche di natura fiscale, aventi ad oggetto i medesimi costi. L’agevolazione non sarebbe quindi cumulabile con il credito d’imposta sanificazione.

Le novità non si esauriscono in quelle appena citate ma se ne riscontrano altre innumerevoli di cui daremo notizia all’interno della Circolare in allegato.

Download Allegato

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here