Decreto dignità: anticipazioni delle novità in materia fisco e lavoro

Il Consiglio de Ministri ha recentemente approvato la versione definitiva del c.d. “decreto dignità”, contenente alcuni provvedimenti in materia fisco e lavoro.

0
9
views

Gentile cliente,

con la presente desideriamo informarLa che il Consiglio de Ministri ha recentemente approvato la versione definitiva del c.d. “decreto dignità”, contenente alcuni provvedimenti in materia fisco e lavoro.

Con specifico riferimento alla materia fiscale si segnala:

  1. la modifica del “redditometro” mediante l’introduzione di una disposizione secondo cui il decreto ministeriale attualmente vigente, che elenca gli elementi indicativi di capacità contributiva non ha più effetto per i controlli ancora da eseguire relativi al 2016 e agli anni successivi (si stabilisce l’adozione da parte del Mef di un nuovo decreto in materia, dopo aver sentito l’Istat e le associazioni maggiormente rappresentative dei consumatori);
  2. rinvio della prossima scadenza per la trasmissione della comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute (viene stabilito che i dati relativi al terzo trimestre 2018 possono essere inviati telematicamente al 28.02.2019, anziché entro il 30.11.2018);
  3. l’abolizione del meccanismo della scissione dei pagamenti (“split payment” – articolo 17-ter, Dpr 633/1972) per le prestazioni di servizi rese alle pubbliche amministrazioni dai professionisti i cui compensi sono assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di imposta o di acconto.

Si rileva, inoltre, l’introduzione di alcune limitazioni alla delocalizzazione delle imprese nel caso in cui queste fruiscano di aiuti ed incentivi economici.

In materia lavoro, invece, si segnala:

  1. la modifica – in termini restrittivi – della disciplina del lavoro a termine con riduzione del periodo massimo del rapporto e reintroduzione delle causali (ma solo per alcune fattispecie);
  2. l’applicazione, alla somministrazione del lavoro, della medesima disciplina prevista per il contratto a termine;
  3. l’incremento delle indennità di licenziamento e la maggiorazione dei termini per l’impugnazione dei contratti a termine. Di seguito illustriamo le principali novità contenute nello schema di decreto, precisando che le disposizioni entreranno in vigore solamente con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del provvedimento definitivo.

Le novità non si esauriscono in quelle appena citate ma se ne riscontrano altre innumerevoli di cui daremo notizia all’interno della Circolare in allegato.

Download Allegato

Articolo precedente5 per mille 2018: adempimenti in scadenza il prossimo 2 luglio 2018
Prossimo articoloRifornimenti di carburante solo con mezzi di pagamento tracciati
Sono un dottore commercialista appassionato di nuove tecnologie ed offro consulenza a liberi professionisti, imprenditori e società. Il mio lavoro non consiste solo nel gestire la contabilità e redigere le dichiarazioni dei redditi ma soprattutto prestare assistenza e fornire una soluzione ai problemi e ai dubbi che possono sorgere nell’amministrazione di un'azienda. Il mio intento è quello di aiutare coloro che vogliono intraprendere nuove attività imprenditoriali con entusiasmo e passione, la stessa che dedico al mio lavoro.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here