Privacy: fac-simile del modello per la comunicazione del responsabile della protezione dei dati (RPD)

Il Garante per la protezione dei dati personali ha reso disponibile un FAC SIMILE del modello che dovrà essere utilizzato per la comunicazione dei dati di contatto del Responsabile della protezione dei dati.

0
27
views

Gentile cliente,

con la presente desideriamo informarLa che, in data 14.05.2018 il Garante per la protezione dei dati personali ha reso disponibile un FAC SIMILE del modello che dovrà essere utilizzato per la comunicazione dei dati di contatto del Responsabile della protezione dei dati. La procedura online per la comunicazione, ad oggi, non è ancora disponibile.

Tale adempimento, ricordiamo, risulta necessario per garantire la possibilità di contatto diretto del responsabile senza intermediazione della struttura operante presso il titolare/responsabile del trattamento. La nomina del responsabile è obbligatoria nel caso in cui le attività del titolare o del responsabile consistano in trattamenti che richiedono il monitoraggio regolare e sistematico degli interessati su larga scala oppure in trattamenti su larga scala di categorie particolari di dati personali o di dati relativi a condanne penali e a reati. Il responsabile può essere sia un dipendente del titolare del trattamento, sia un esterno nominato in forza di un contratto di servizi.

Per i gruppi di imprese, viene prevista la nomina di un unico RPD.

Ricordiamo, più in generale, che a partire dal 25.05.2018 sono entrate in vigore le nuove disposizioni in materia di protezione dei dati contenute nel regolamento UE n. 679/2016 (con legge n. 163/2017 è stata conferita delega al Governo all’emanazione di un Decreto di adeguamento del quadro normativo nazionale al contenuto del regolamento UE). La disciplina introdotta prevede la responsabilizzazione del titolare e del responsabile del trattamento dei dati, nonché l’introduzione della (citata) figura del responsabile della protezione dei dati (RPD/DPO). Al fine di ridurre nella maggior misura possibile l’utilizzo improprio dei dati, viene introdotto un sistema che prevede la responsabilizzazione e la rendicontazione delle misure intraprese per essere coerenti con il nuovo impianto legislativo. Viene prevista una più specifica disciplina relativa all’informativa con particolare riferimento alla sua predisposizione (coincisa e scritta con un linguaggio chiaro e semplice, di facile comprensione).

Le novità non si esauriscono in quelle appena citate ma se ne riscontrano altre innumerevoli di cui daremo notizia all’interno della Circolare in allegato.

Download Allegato

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here